Donne rivoluzionarie: cinque project manager donne in ascesa nell’industria delle costruzioni

Condividi:
In primo piano

Le competenze che le donne nel settore dell’edilizia portano al lavoro fondamentale di forgiare il nostro ambiente costruito sono più vitali che mai. Vieni a conoscere cinque donne di Tétris al comando della gestione di progetti di costruzione in tutta Europa.

Oggi, le donne rappresentano una piccola parte della forza lavoro nell'edilizia, ma le competenze che portano sono più importanti che mai, dato che l'industria è alle prese con la carenza di manodopera e l'evoluzione delle richieste delle persone nei confronti dell'ambiente costruito.

I ruoli nell'edilizia sono comunemente ricoperti da uomini, con le donne che costituiscono meno del 15% del settore in molti paesi. Eppure, le donne costituiscono circa il 39% della forza lavoro globale e, naturalmente, circa la metà della società. Quelle donne che lavorano nelle costruzioni non solo aggiungono importanti prospettive riguardo a ciò di cui le donne hanno bisogno e che vogliono negli spazi che vengono costruiti, ma contribuiscono con abilità uniche alla risoluzione dei problemi, all'analisi e alla comunicazione. Mentre i governi elaborano piani di sviluppo per guidare la ripresa economica e sociale e raggiungere gli obiettivi di sostenibilità, le imprese di costruzione in Europa e nel Regno Unito stanno riportando un numero senza precedenti di posti vacanti. Costruire un'industria delle costruzioni che accolga le donne - e diversi stili di pensiero e di lavoro - è fondamentale per soddisfare il bisogno urgente di spazi che permettano alle persone di tutte le estrazioni sociali di crescere.

In Tétris, apprezziamo le capacità di trasformazione di una forza lavoro diversificata e inclusiva che riflette la struttura delle nostre comunità. Ci impegniamo per la parità di genere nei nostri progetti, con un rapporto di 50:50 tra uomini e donne nel nostro team di construction management in Polonia.

Cambiare le percezioni non è facile, e le donne che lavorano ai progetti edili di Tétris hanno superato le sfide per costruire una carriera nel loro settore. Incontriamo quindi cinque delle nostre colleghe che si occupano di progetti di costruzione in tutta Europa:

Anne Lemmonier

Project Manager, Francia

Come hai iniziato la tua carriera nel settore delle costruzioni?
Come laureata in interior design, mi è stato insegnato che per essere dei buoni designer, dobbiamo guardare oltre il design perché è solo il 5% di qualsiasi progetto. Ho scoperto rapidamente che se avessi voluto fornire servizi di consulenza di prima classe ai miei clienti, avrei dovuto capire cosa succede lungo tutto il percorso. Così ho preso la decisione di passare più tempo a gestire i progetti di costruzione e ho scoperto quanto sia esaltante vedere un progetto concettuale prendere vita.

Quali sfide affronti come donna nell'industria delle costruzioni?
La gente ti dice che per sopravvivere devi agire come un uomo, pensare come un uomo ed essere duro con le persone. Mi è stato persino detto che per essere presa sul serio, devo fare del mio meglio per non sembrare una donna. Che non devo mostrare alcuna sensibilità perché è un segno di debolezza, cosa che insegniamo ancora agli uomini. Questo può essere perché le persone hanno paura del cambiamento, ma non è sicuramente il mio modo di lavorare. Come donne in questo settore, siamo portate a credere che dobbiamo diventare ciò che non siamo. Ma io ho sempre mantenuto la mia posizione e mi sono concentrata sulla creazione della giusta chimica all'interno dei team che ho gestito, nel mio stile e a modo mio - e funziona!

Raccontaci uno dei tuoi progetti preferiti realizzato con Tétris.
Quello che stiamo realizzando per una società globale di software per il cloud è molto interessante. Lo scopo del progetto è semplice, ma i lavori si svolgono in un ambiente complicato a causa di specifiche molto dettagliate per tutto, dall'IT al design, ai mobili e i complementi di arredo, alle difficoltà quando si devono approvare le varianti e al fatto che i dipartimenti lavorano in silos e quindi non c'è una gerarchia per dare priorità a nessuna di queste componenti. È una grande sfida intellettuale che mi permette di fare ciò che amo di più, cioè collegare le parti e le persone, gestire le aspettative e finire per soddisfare tutti. In fin dei conti, il mio lavoro riguarda tanto le persone quanto la costruzione. A volte può essere un giro sulle montagne russe, ma che viaggio interessante!

Ottavia Corvaro

Construction Manager, Italia

Qual è la parte migliore del tuo lavoro?
Sicuramente la risoluzione dei problemi. Trovare e applicare soluzioni per risolvere problemi imprevisti nei cantieri mi dà una soddisfazione quotidiana. Sono sempre attenta ai più piccoli dettagli, il che fa la differenza per un lavoro di qualità. La sfida principale è far capire agli uomini che anche le donne possono avere le stesse capacità degli uomini, e la seconda sfida è dimostrare che noi donne abbiamo più forza, spirito di sacrificio e persistenza nel nostro lavoro.

Raccontaci uno dei tuoi progetti preferiti realizzato per Tétris.
Il più significativo è la ristrutturazione dell'Hotel Regno, dove siamo state le uniche tre donne a gestire l'intero cantiere, dall'inizio alla fine. È un hotel storico nel cuore di Roma e abbiamo fatto uno strip-out totale dell'edificio, per poi costruire 22 camere uniche, un bar-ristorante e una bellissima terrazza al sesto piano. Amo tutti i miei progetti, perché sono come bambini che nascono, crescono e diventano reali.

The team at work at Hotel Regno, Rome

Che consigli daresti alle donne che stanno considerando una carriera come la tua?
Di non arrendersi alla prima sfida. Di essere forti e costanti che poi i riconoscimenti arrivano. Soprattutto, di ricordarsi che essere un construction manager non è solo un lavoro, deve essere anche una passione. Tutto ciò che viene raggiunto attraverso l'amore, la forza e il sacrificio aggiunge valore ad ogni progetto.

Kerry Bedser

Project Manager, Sud Africa

Come hai iniziato la tua carriera nel settore delle costruzioni?
Ho studiato interior design e da disegnatrice sono diventata designer, ma quando ho iniziato a dedicarmi alla valutazione dello spazio e allo space planning, questo ha fatto appello alla parte metodica e analitica del mio cervello e mi è piaciuto molto. La differenza è: il design riguarda la creatività e la visione, mentre il project management è più focalizzato sul prendere quell'idea divertente e stimolante e capire come possiamo implementarla praticamente.

Qual è la parte migliore del tuo lavoro?
Prendere il concept del design che è molto creativo e idealistico, far passare la "Grande Idea" attraverso i processi tecnici e vederla diventare uno spazio molto reale e funzionale. Mi piace molto anche l'intero processo di collaborazione tra i nostri team interni, i nostri clienti e i fornitori - sono una grande costruttrice di relazioni. Il mio background di design mi aiuta sicuramente a capire il quadro generale, e mi aiuta anche a risolvere i problemi sui cantieri perché posso valutare ciò che il designer si era posto come obiettivo.

Raccontaci uno dei tuoi progetti preferiti realizzato con Tétris.
Il Women's Development Bank Trust promuove le imprese femminili locali, e questo è stato un cliente incredibile con cui lavorare. Per l'implementazione e la gestione del progetto, abbiamo avuto un team di Tétris tutto al femminile: il team di progettazione, il direttore dei lavori e il project manager erano tutte donne, e abbiamo acquistato arredi locali, opere d'arte e carta da parati da aziende di proprietà femminile. È stato molto divertente e qualcosa di diverso, con questo filo conduttore dell'autonomia che scorre dal concept all'esecuzione, che è stato bello da sperimentare - e lo spazio è semplicemente bellissimo.

Beata Andryk

Senior Project Manager, Polonia

Quali sfide affronti come donna nell'industria delle costruzioni?
A lungo termine, non importa se sei un uomo o una donna, ma per far sì che ciò accada, devi dimostrare il tuo valore a molte persone, a partire dai tuoi datori di lavoro, passando per i tuoi clienti, subappaltatori e soprattutto dipendenti di cui devi guadagnare il rispetto. La reputazione viene poi messa alla prova di volta in volta dalle nuove persone con cui o per cui si lavora. Se lavori duramente, la tua reputazione ti precede e dopo qualche tempo le persone riconoscono il tuo valore. Gran parte della mia soddisfazione sul lavoro deriva dal fatto che dal primo giorno sono diventata parte di una squadra incredibile e 17 anni dopo non ho smesso di amare né loro né questo lavoro.

Cosa pensi che le donne portino al settore delle costruzioni?
Tra le altre cose, la bellezza e l'immaginazione. Ciò che è caratteristico della nostra risoluzione dei problemi e della nostra gestione è un modo più lineare e ordinato di stabilire le priorità, ma d'altronde, forse sono solo io. La forza che hanno le donne non è più debole di quella che hanno gli uomini, al contrario, dovremmo ricordare i nostri punti di forza e la nostra sensibilità, comprensione e intuizione, che in molte situazioni torneranno molto utili.

Che consigli daresti alle donne che stanno considerando una carriera come la tua?
Tieni la testa alta e sorridi. Fatti valere, ma prima assicurati di avere terreno a disposizione. Quando si gestisce un cantiere, è importante mantenere il sangue freddo ed essere assertivi. Questa non è una professione per tutti e non tutti si sentiranno a proprio agio in questo ruolo.

Siham Lahlali

Project Manager, Paesi Bassi

Qual è la parte migliore del tuo lavoro?
I diversi livelli di comunicazione e le sue dinamiche. Noi comunichiamo con molti stakeholder e tipologie di clienti diversi. Ma anche internamente con architetti, designer e project manager, e altri colleghi con diversi background. Amo la varietà all'interno del mio ruolo - a volte devi presiedere una riunione, gestire un budget e lavorare per delle scadenze. E in ogni progetto c'è un diverso tipo di problem-solving. Nessun progetto è uguale all'altro.

Cosa pensi che le donne portino al settore delle costruzioni?
Penso che le competenze trasversali che le donne portano sul posto di lavoro siano molto utili. Il modo in cui gli uomini comunicano a volte è diverso da quello delle donne. Non lo vedo come una sfida ma come un valore che si porta.

Le donne hanno un approccio diverso nella risoluzione dei problemi e forti capacità organizzative. Inoltre, le donne tendono a pensare sempre un paio di passi avanti, contribuiscono con le loro capacità analitiche e spesso hanno un buon occhio per i dettagli. Ma alla fine, penso che la diversità in generale sia importante e che l'obiettivo principale in un'azienda dovrebbe essere quello di raggiungere un buon equilibrio.

Che consigli daresti alle donne che stanno considerando una carriera come la tua?
Siate autentiche e non permettete a nessuno di farvi sentire insicure e difendete sempre i vostri valori. Non limitatevi alle aspettative degli altri. Non abbiate paura di mostrare loro che sapete di cosa state parlando. Se sai cosa porti sul tavolo, otterrai sempre il rispetto senza pretenderlo.

Lasciaci realizzare il tuo prossimo progetto
Contattaci

Utilizziamo i cookies per migliorare l’esperienza degli utenti.

Puoi accettare tutti i cookies o personalizzare le impostazioni per cambiare le tue preferenze. Per saperne di più consulta la nostra Dichiarazione sui cookies.

Personalizza