Il design per la neurodiversità: luoghi di lavoro costruiti per l’inclusione

Condividi:

Sei unico. Non c'è nessun altro come te al mondo. Pensi in un modo tutto tuo, fai le cose in base a come ti senti e reagisci di conseguenza.

L'importanza di concentrarsi sulle persone come individui è stata esacerbata dagli effetti della pandemia. Le aziende stanno dando la priorità alla salute e al benessere dei lavoratori, come si evince dalle politiche flessibili e concilianti. Ma l'inclusione non può fermarsi qui. Che dire degli individui affetti da neurodiversità? È ora di affrontare questa conversazione - una persona su sette nel Regno Unito è neurodivergente e, a livello globale, il 90% delle disabilità non sono visibili (NeuroTribes, Steven Silberman).

Non è un segreto che alcuni dei più grandi pensatori e delle persone di maggior successo siano neurodivergenti. Prendete Elon Musk, che ha fatto la storia ed è diventato virale su internet quando ha annunciato su SNL di avere l'Asperger. Tuttavia, questo non lo ha ostacolato - potrebbe anche avergli dato un vantaggio sugli altri. "Dovremmo celebrare la neurodiversità per quello che è - cioè un superpotere", dice Vivek Menon, Global Product Management Director e presidente del Neurodiversity Network di JLL. "Le persone con neurodiversità pensano alle cose in modo diverso e fuori dagli schemi. Sono una risorsa per qualsiasi organizzazione, ma le aziende devono progettare gli spazi dei loro uffici tenendone conto".

Quando si progetta per la neurodiversità, è importante capire che le persone hanno esperienze sensoriali e che il design influenza tutti e cinque i nostri sensi. Tenere a mente la luce, l'acustica, il colore, la sequenza, la compartimentazione, la transizione, la sensorialità, l’evasione e il ristoro permetterà di creare uno spazio che non solo funziona per le persone con neurodiversità ma funziona per tutti e le personalità di tutti.

L'uso della luce naturale invece di una forte illuminazione artificiale rende l'ufficio Lenovo di Madrid, Spagna, più confortevole per tutti.
Le nicchie private sono una buona opzione per le persone che hanno bisogno di sfuggire al rumore dell'ufficio, come questa nell'ufficio di PepsiCo a Johannesburg, Sud Africa

Menon ribadisce questo sentimento, dicendo che "quando si progetta in modo inclusivo, non si aiutano solo le persone con una mente neurodivergente, ma anche le persone che forse hanno personalità diverse; possiamo creare spazi per introversi, estroversi e chiunque nel mezzo".

Prestare attenzione all'acustica di uno spazio può rendere un ambiente più confortevole per coloro che sono sensibili al rumore, come negli uffici Facile.it che abbiamo costruito a Milano, Italia.
La biofilia è al centro dello spazio che abbiamo progettato per l'ufficio di JLL a Manchester, Regno Unito.

"Questa idea del design inclusivo e della progettazione di spazi per persone neurodivergenti si sposa bene con il nostro Tétris Sustainability Code, che non solo cerca di creare spazi di lavoro ecologici, ma è anche più inclusivo perché prendiamo in considerazione la salute e il benessere quando progettiamo. Incorporiamo elementi come la biofilia e gli spazi verdi, che non solo raggiungono i nostri obiettivi di sostenibilità, ma favoriscono anche il benessere, poiché è stato dimostrato che stare in mezzo alla natura migliora l'umore delle persone, il che sarà di grande aiuto per le persone con neurodiversità", dice Ines Cabrita, Head of Design di Tétris Portogallo.

Il benessere al centro del design

Questo è più che evidente nell'ufficio di Natixis a Porto, dove Cabrita ha ideato un design che rende l'ufficio una destinazione. "Le persone che sono neurodivergenti a volte possono dover lottare con il pensiero di andare in ufficio, soprattutto se non è uno spazio accogliente in grado di soddisfare tutte le loro esigenze. Quando abbiamo iniziato il progetto, sapevo che era importante creare una destinazione dove le persone si sentissero ispirate e che le invogliasse veramente a fare i pendolari".

Per fare questo, Cabrita e il suo team di designer hanno creato un concept basato sull’idea del "villaggio" per riflettere il business globale di Natixis - ogni villaggio incorpora la cultura di una delle località dove la società ha una propria sede e una presenza sul mercato.

"Una cosa che dobbiamo capire è che quando si progetta per la neurodiversità, è necessario progettare con tutti e i cinque sensi in mente per creare un'esperienza coinvolgente piuttosto che un semplice ufficio dove le persone lavorano. Questo incoraggia le persone a tornare in ufficio perché sanno che c'è un'esperienza sensoriale o uno spazio di lavoro che si adatta alla loro personalità, al loro modo di lavorare, e si adatta a chiunque sia neurodivergente o abbia una disabilità".

Ognuno di questi villaggi non solo ha spazi di pausa per il lavoro individuale e collaborativo, ma prende elementi naturali presenti in ognuno di questi paesi e li porta in vita, in modo che il design non sia solo inclusivo, ma anche sostenibile. Ogni parte dell'ufficio è stata progettata pensando al benessere, all'inclusione e alla neurodiversità.

Dai bazar di Muscat con stazioni di tè aromatizzati e uno spazio con dune di sabbia per rilassarsi, alla zona ispirata a Porto con pareti di sughero dove si può godere di un'acustica che cancella ogni rumore, tutti i cinque sensi sono stati tenuti in considerazione in ogni decisione di design che abbiamo preso.

"Volevamo un luogo dove le persone potessero davvero staccare la spina", continua Cabrita. "Nel villaggio di Tokyo, ci siamo ispirati alla tradizione delle cerimonie del tè. Abbiamo una sala da tè separata dove le persone possono spegnere i loro dispositivi e meditare, o semplicemente trascorrere un po' di tempo in tranquillità con sé stessi. Eravamo consapevoli che spesso negli uffici, le persone non hanno la possibilità di disconnettersi completamente e rilassarsi, quindi la sala da tè era importante perché alcune persone possono sperimentare un sovraccarico sensoriale. Con questa sala da tè senza Wi-Fi, possono lasciarsi alle spalle il trambusto del mondo esterno e avere del tempo per ricaricarsi, rilassarsi e schiarirsi le idee".

Visualizzazione 3D del villaggio Natixis a Porto, Portogallo - Muscat
Visualizzazione 3D del villaggio Natixis a Porto, Portogallo - Muscat
Visualizzazione 3D del villaggio Natixis a Porto, Portogallo - Tokyo

Il diavolo si nasconde nei dettagli

Il design inclusivo incoraggerà le persone a tornare in ufficio dopo più di un anno di lavoro da casa. Se l'ufficio è più di un semplice posto di lavoro e permette alle persone di soddisfare altri aspetti della loro vita come l'esercizio fisico e la socializzazione, le persone faranno lo sforzo di tornare. Tuttavia, il design inclusivo non riguarda solo la neurodiversità, ma anche l'accessibilità.

"Lavoriamo per un'azienda globale, ma non tutti comprendono le stesse lingue", dice Carolina Ferreira, designer di Tétris in Portogallo. "Le aziende globali devono assicurarsi che la loro segnaletica venga compresa da chiunque possa utilizzare l'ufficio, indipendentemente dalla loro provenienza. Potrebbe valere la pena di esplorare l'uso di simboli compresi universalmente accanto a segni scritti, in modo che tutti possano capire. Penso che potremmo fare un ulteriore passo avanti e includere anche segnali in Braille, in modo che le persone non vedenti possano circolare più facilmente in uno spazio e arrivare ovunque abbiano bisogno di essere in modo indipendente - questo potrebbe davvero dar loro forza".

Reimmaginare l’ufficio per le persone neurodivergenti e con disabilità non giova solo a loro, ma a tutti coloro che visitano o usufruiscono degli spazi di lavoro. Creando un ambiente inclusivo che si prende cura non solo dei dipendenti come membri del personale ma anche come individui, le persone saranno motivate e incoraggiate a tornare in ufficio. Qualche ritocco allo spazio di lavoro può fare un'enorme differenza!

Scopri come possiamo aiutarti a progettare uno spazio di lavoro più inclusivo

Contattaci

Utilizziamo i cookies per migliorare l’esperienza degli utenti.

Puoi accettare tutti i cookies o personalizzare le impostazioni per cambiare le tue preferenze. Per saperne di più consulta la nostra Dichiarazione sui cookies.

Personalizza